Poesie scelte da Scrivere.info

Lasciami stare

Giorgio Lavino

Fantasia

Lasciami stare sotto questo sole perduto
con i miei pensieri di ieri
quando non mi assaliva la paura
di fuggire e di farmitrascinare dalle idee.

Lasciami stare dentro questa vischiosa solitudine
che mi porta verso giorni sconosciuti,
con l’ansia di un innamorato tradito.

Lasciami stare dentro questa campana dei ricordi
che non hanno più il sapore delle dolci fragole
che allettano il palato fino all’ultimo boccone
che è sempre amaro.

Lasciami stare lontano dai desideri con il cuore
spento, vecchia lampada abbandonata in soffitta,
testimone di un tempo di mille attese e speranze.

Lasciami stare nel guscio delle cose perdute
tutte in un giorno maledetto da uno stregone africano
che colpì me per castigare tutto l’Occidente.

Lasciami stare in questo campo di battaglia
a duellare contro pensieri inutili
che mi attraversano la mente.

Lasciami stare in questa vita.
Bella, brutta, è la mia vita.
Vecchia spada gialla di ruggine
che non diserta mai nessuna sfida.

Giorgio Lavino | Poesia pubblicata il 27/10/09 | 5526 letture| 1 commenti

 
<< SuccessivaPrecedente >>
<< Successiva di Giorgio LavinoPrecedente di Giorgio Lavino >>
 
 

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.


1 commenti a questa poesia:
«"lasciami stare"in questo mondo che è solo mio, anche se magari " a te può sembrar che puzza", è il mio mondo e qui rimango a crogiolar tra pensieri scaduti di un ieri e la vischiosa solitudine, tra"l'ansia di un innamorato tradito" e i ricordi di un passato che non sa di dolcezza, tra i desideri accesi che però sono di un cuore spento e i pensieri inutili contro cui combatto.
bella poesia con metafore originali e antitesi che parlano della vita come un mondo fatto di paradossi, come una soffitta dove l'uomo duella contro se stesso, come un bambino a cui piace giocare nell'armadio ma in realtà vuol esser salvato.
e la vita è bella forse così anche con la sua gobba e la sua bruttezza, in fin dei conti lei "non diserta mai nessuna sfida".»
Giorgia Spurio

  
Per inserire commenti su questa poesia, vai sul sito Scrivere
 
Giorgio Lavino ha pubblicato in questo sito:
 Le sue 74 poesie

La prima poesia pubblicata:
 Seppi di te da un sogno (24/09/09)

L'ultima poesia pubblicata:
 Se non mi vuoi (19/08/15)

Una proposta:
 Sarebbe stato bello (26/07/15)

La poesia più letta:
 Non è impresa ardua (25/10/10, 15643 letture)

  


Giorgio Lavino

Giorgio Lavino

Ha scritto anche…

Ultime poesie pubblicate:

Pubblica in…

Ha una biografia…

Giorgio Lavino Leggi la biografia di questo autore!



Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Poesie scelte più recenti nel sito:

 

Copyright © 2019 Scrivere.info