Poesie scelte da Scrivere.info

Allo specchio

Maurizio Melandri

Introspezione

Chiudo gli occhi,
queste note di pianoforte ben si accordano
alla mia anima malinconica oggi,
trasportano vaghi umori di frammenti trascorsi,
di sogni colorati, altri in bianco e nero.

Nascondo dentro me questo sole che tarda a tramontare,
sorgente di luce di un orizzonte
che si distende immenso davanti a desideri nascosti e selvaggi.

Mi osservo allo specchio senza ipocrisia,
senza indulgenza, senza falso pudore.

E' difficile ammettere di non saper volare,
di aver sbagliato i conti con la vita,
ma quanto ancora si può fingere il sorriso,
piegare la testa,
quando si nacque individui liberi?

Non c'é premio per questo coraggio di oggi,
nessun applauso prima di lasciare il palcoscenico,
solo un inchino ad un teatro vuoto.

Maurizio Melandri | Poesia pubblicata il 19/02/10 | 3359 letture| 3 commenti

 
<< SuccessivaPrecedente >>
<< Successiva di Maurizio MelandriPrecedente di Maurizio Melandri >>
 
 

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.


3 commenti a questa poesia:
«Il coraggio di guardarsi dentro, di fare i conti con se stessi ed ammettere le proprie debolezze... Me lo chiami poco? Tutti sbagliamo, tutti facciamo i conti con la vita prima o poi, l'importante è andare avanti e trovare una propria dimensione accettandosi per quello che si è. Grande poesia!»
Rossella Gallucci

«Presentarsi su di un palcoscenico facendo un inchino ad un teatro vuoto... non c'è metafora più sentita e più suggestiva di questa...è un riesumare i propri rimpianti e sentire l'impotenza di un tempo perduto che attanaglia nella sua morsa opprimente! Grande poesia per una profonda emozione nel sentirla un po' mia.»
Dalassa

   «Versi dolorosissimi di una profonda introspezione, alla quale non si può mentire e nascondere le amarezze e i rimpianti di una vita che disillude... Fortemente sentita. Bellissima!»



Per inserire commenti su questa poesia, vai sul sito Scrivere
 
Maurizio Melandri ha pubblicato in questo sito:
 Le sue 22 poesie

La prima poesia pubblicata:
 Assenza (15/01/10)

L'ultima poesia pubblicata:
 Mia (21/05/17)

Una proposta:
 Non parlerò più (13/04/16)

La poesia più letta:
 Arpa Celtica (15/11/11, 7880 letture)

  


Maurizio Melandri

Maurizio Melandri

Ha scritto anche…

Ultime poesie pubblicate:

Pubblica in…

Ha una biografia…

Maurizio Melandri Leggi la biografia di questo autore!



Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Poesie scelte più recenti nel sito:

 

Copyright © 2018 Scrivere.info