Poesie scelte da Scrivere.info

Umani disumani

Silvia De Angelis

Cronaca

Alba
non domanda
infausto giorno
ove supremo artefice
militò
tragico
riuscito gioco

Or lui giace esanime
nella toga vermiglia
abbattuto
da selvaggia verga

Pensiero odierno
teme specchiarsi
immagine
bollenti processi
o famigerata effigie
di "cosa nostra"

Istintuali messaggi
di vendetta
in sbilenco collage
sfuggito alla logica
racchiudono frammenti
intrisi di violenza

Tempo
lascia sue tracce
Umana malvagità
ancor più
ne segna il passo

Silvia De Angelis | Poesia pubblicata il 28/02/10 | 3349 letture| 26 commenti

 
<< SuccessivaPrecedente >>
<< Successiva di Silvia De AngelisPrecedente di Silvia De Angelis >>
 

Nota dell'autore:

«Muore a Palermo l'Avvocato Enzo Fragalà, dopo essere stato selvaggamente
preso a bastonate all'uscita dal suo studio legale. Recentissimo fatto di cronaca
»

 

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.


26 commenti a questa poesia:
«valente poetessa in magistrale lirica... che denuncia con parole appropriate e curate un fatto di cronaca del quale ci si deve vergognare ...intensa e bella il mio sincero plauso»
carla composto

«Encomiabile lirica su un tema di grave portata sociale. Ottimo stile, apprezzatissimo.»
Rita Stanzione

«E' il canto di un dolore. Di un'anima che non vuole essere complice con il suo silenzio. Ma vuole esplodere. E lo fa suggerendo questi versi bellissimi all'autrice. Da incanto l'incipit. Ma ogni verso vomita sdegno con il solito stile sempre raffinato della nostra autrice. Me la conservo questa stupenda lirica per leggerla quando ho voglia di piangere.»
Giorgio Lavino

«Ancora una volta fatti di cronaca che ci portano tanta di quella tristezza e rabbia...
Ma di quanta crudeltà si macchia l'uomo...
Sentita e condivisa...»
Antonio Biancolillo

«Versi forti, veri, un piangere per il dolore di una cornaca che si macchia ancora una volta di dolore. Scritta in stile esemplare. Molto piaciuta»
Daniela Pacelli

«Una poesia di denuncia corretta quella da te resa in versi con il solito, particolare stile ermetico che ti appartiene... e che stavolta arriva come una fucilata!»
Antonella Bonaffini

«dolorosi versi ...sensazioni e pensieri di grande effetto
un sentire forte ...una vergogna per questo fatto realmente accaduto
scritta in modo magistrale
grande sensibilita' molto apprezzata»
Danielinagranata

«Versi crudi e di grande effetto per una forte denuncia... Molto sentita... Complimenti!»


«Una denuncia toccante e vera che lascia fra le pagine di cronaca profondo sconcerto per l'accaduto e disgusto per la crudeltà umana.
Molto sentita e apprezzata, una lirica splendida magistralmente scritta.»
Angela Rainieri

«Una grandissima prova d'Autore in questi versi, che con la loro solita eleganza, raccontano un atroce fatto di cronaca...
Un inchino alla tua bravura Silvia!»
Antonella Scamarda

«Come non si può rimanere colpiti da questi fatti che ogni dì macchiano le pagine di giornali – una vera denuncia alla quale non possiamo che unirci.»
Berta Biagini

«Un meraviglioso verseggiare anche per tratteggiare eventi che non presentano lati poetici. Applausi per una lirica spettacolare!»
Raggioluminoso

«amo la mia terra ma, in circostanze come questa, mi vergogno d'esser siciliano, anche se penso che qui, in una terra di mafia, esistono tantissime persone perbene, anzi la quasi totalità...poesia molto dura, ma ahimé molto vera.»
Salvatore Ferranti

   «la poesia di cronaca è molto particolare dove si notano eventi tragici o lieti
questo purtroppo è orrendo inconcepibile siamo peggio dei peggior barbari che hanno invaso il suolo italico con questi signori è ora di finirla per sempre
condivisa»
Moreno il Duca

«Una vergogna che cose come queste continuino a passare in pieno secolo 21. La barbarie di queste mafiosi che continuano a infestare la società... Spero che al più presto vengano pressi gli aggressori. Complementi per questa tua cronaca.»
Arelys Agostini

«La poesia di cronaca è per me sempre notevole perché è sublime il tentativo di piegare la bellezza della poesia alle spregevoli cose umane.»


«Inammissibile che accadano fatti del genere qualunque periodo storico possa essere, la forza del male ha colpito ancora ed una famiglia piange la morte assurda, pazzesca e dolorosissima del loro congiunto...
Poesia bellissima per non dimenticare, per pregare per coloro che compiono del male... ma serviranno le preghiere per chi, al Signore, ha voltato le spalle ed abbracciato il "maligno"?
Chiusa che è poesia nella poesia
Apprezzata, condivisa e piaciuta moltissimo»
Rosy Marchettini

«In questo caso purtroppo la toga rossa non è emblema di appartenenza ad una corrente politica, ma è il frutto di un atto ignobile che ha ucciso un po' tutte le persone oneste e leali... quel sangue appartiene a tutti quelli che credono in mondo più giusto e meno violento, forse è solo utopia ma non bisogna mai abbassare la guardia contro chi disprezza la vita ... esaltando l'odio e facendone legge di vita quotidiana... Sentitamente plaudo questi versi che sento nel più profondo del cuore. Inchini ed apprezzamenti infiniti.»
Carmelita Morreale

«Partendo da uno squallido fatto di cronaca da respingere con forza in quanto avvicina l'uomo alla bestia la nostra autrice riesce a regalarci
Una splendida lirica.»
Carlo Sorgia

«Versi molto reali e ricchi di contenuto, messaggio della violenza umana. L'autrice è stata molto attenta nella ricostruzione in versi di un caso di cronaca. Piaciutissima e apprezzata»
Shelly Nicole Del Santo

«Invano piange e si dispera la voce della poesia, quando affronta argomenti così dolorosamente attuali. La ferita è aperta, scuote le nostre coscienze assopite, ma è impotente contro la bestia maligna che si ostina a farci sprofondare, ogni volta, nella barbarie.
Piango con voi, piango per noi tutti, povera Italia intera.»
Nemesis Marina Perozzi

«Bella forte e diretta la denuncia, alla disumanità dell'atto barbarico, che vede fratello togliere la vita al suo simile e al modo di terrorizzare ed imperare del malaffare. Da inserire nella serie: "diamoci una mossa"... Lirica sempre alta. cià.»
Aldo Bilato

«Una poesia di denuncia su una morte cosí ingiusta. Notevole l'impegno della Poetessa, per non far dimenticare mai questo inammissibile omicidio. Molto apprezzata.»
Nadia Mazzocco

«Purtroppo la violenza dilagante a tutti i livelli sociali è parte della cronaca giornaliera e rischia di diventare fenomeno incontrollabile perché ormai le istituzioni non sono più capaci di gestire e reprimere con le dovute sanzioni chi compie delitti che ledono l'esistenza di intere famiglie. Non per niente le statistiche pongono al primo posto delle preoccupazioni degli italiani la sicurezza. Bellissima la tua poesia di denuncia e di condanna.»
Pinotota

«Sì penso che sia difficile raccontare in poesia fatti che induriscono il cuore, lo maltrattano.
Tu riesci benissimo ad allargare il fatto scendendo nell'animo umano, scandagliando nell'uomo.
L'ultima strofa poi è di grande efficacia e nucleo di tutto il discorso.
Bellissima!»
Clara Gismondi

«la malvagità che continua a spargere morte nella Nostra iITALIA, in struggenti versi dettati dalla nobiltà d'animo dell'Autrice
poesia apprezzatissima»



Per inserire commenti su questa poesia, vai sul sito Scrivere
 
Silvia De Angelis ha pubblicato in questo sito:
 Le sue 264 poesie

La prima poesia pubblicata:
 Nuovo nascer (12/11/09)

L'ultima poesia pubblicata:
 Complice di te (02/06/11)

Una proposta:
 Quella via (13/11/09)

La poesia più letta:
 Porno (03/06/10, 8118 letture)

  


Silvia De Angelis

Ha scritto anche…

Ultime poesie pubblicate:

Pubblica in…

Ha una biografia…

Silvia De Angelis Leggi la biografia di questo autore!

Ha pubblicato…

Anime in versi
Autori Vari
Antologia degli autori del sito Scrivere
Pagine: 132 - Anno: 2012
ISBN: 9781471686061


Tu che mi ascolti
Autori Vari
Le poesie che hanno partecipato al Premio di Poesia Scrivere 2010, con tutte le opere partecipanti ed i vincitori
Pagine: 240 - Anno: 2012
ISBN: 9781471686108


Se tu mi dimentichi
Autori Vari
Le poesie che hanno partecipato al Premio di Poesia Scrivere 2011, con tutte le opere partecipanti ed i vincitori
Pagine: 208 - Anno: 2012
ISBN: 9781471686214




Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Poesie scelte più recenti nel sito:

 

Copyright © 2017 Scrivere.info