Poesie scelte da Scrivere.info

Terremoti nel vuoto

Giorgia Spurio

Amore

Smettila di suonare la chitarra dell'inverno

Smettila di riempire parole al vuoto

Ho gli occhi chiusi...
non vedi le mie cieche cicatrici
non vedi che dietro le mie palpebre c'è una luce
bianca di neon...
bianca di calore...

Ho denti dietro la schiena
ho primavera all'impiccata gogna
ho il collo che ti guarda dalla stella
piantata sulla cervicale come paralizzata
stesura di una foglia

Stai zitto...

E leccherò le tue estati
ogni pioggia che è affondata nel mare
e bacerò anche l'autunno...
-contento-
di neve che sale
sul cielo di pesco
e di ghiaccio caduto nella voragine
delle anime che hanno violato nella materia
silente fango che attorciglia il pavimento
di pelle e muscolo
che non griderà
bocca tappata dall'attimo di pregiudizio e spavento
di pudore che gridi
braccandomi bocche
e mani...
e l'anima saprà cadere giù
al limite del tuo muro
braccia che stringono gambe
nel sudore che avrà lo stesso tuo sapore
aloe amara che incolla saliva
al palato... bocche incenerite
in baci ai pali
e alle manette...

Silenzio che si riempie in comete
polvere e ghiaccio
che lascia scia di ferite
nell'universo che piangerà
frantumando pianeti
e fuochi...
e un fiammifero riponi
tra le costole e il polmone...
quando esploderai
saprò che sarò esistita
nella goccia della tua lacrima
pallottola che fende l'atmosfera
aere padrona
del fatuo fendente movimento
sotto il masso e la gravità...
che ancora il vuoto emoziona.

Giorgia Spurio | Poesia pubblicata il 23/04/10 | 5983 letture| 14 commenti

 
<< SuccessivaPrecedente >>
<< Successiva di Giorgia SpurioPrecedente di Giorgia Spurio >>
 

Nota dell'autore:

«"aere padrona" da pensarlo come genitivo sassone.»

 

Creative Commons LicenseQuesta poesia è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons: è possibile riprodurla, distribuirla, rappresentarla o recitarla in pubblico, a condizione che non venga modificata od in alcun modo alterata, che venga sempre data l'attribuzione all'autore/autrice, e che non vi sia alcuno scopo commerciale.


14 commenti a questa poesia:
«prende le distanze sì. Personalissimo modo di far poesia, quasi urlata, quasi uno sbattere di porta. L'ermetismo la rende fascinosa, ma purtroppo ne limita il godimento emozionale. Molto apprezzata nella stesura del ritmo.»
Antonella Borghini Antoequi

«E davanti a questa cosa ti dico... un tormento che si percepisce da ogni singolo verso...è splendida, ci sono passaggi mozzafiato!»
Antonella Bonaffini

«molto forte nel significato e nella forma, soprattutto in certe immagini.
smettila di suonare la chitarra dell'inverno, non vedi le mie cieche cicatrici?...smettila di fare l'indifferente, di essere così freddo, il miio dolore non lo vedi... ma si sente!
le parole sono inutili... basta a cercare spiegazioni o scuse... leccherò le tue estati, i tuoi momenti di gioia... bacerò l'autunno, le tue sconfitte.
splendido il verso:"bocca tappata dall'attimo di pregiudizio e spavento".
davvero suggestiva l'ultima strofa, con quel fiammifero posto tra costole e polmone, piccola scintilla di speranza, piccolo gesto d'amore, che da solo è in grado di causare un'esplosione... e di far sentire vivi.
bella!»
DarioC 85

«La leggo come ribellione, come rabbia incontenibile che ha voglia di urlare "Basta!", nonostante quell'avvinghiarsi alle gambe, quello stringersi per risalire verso una bocca da baciare, ma che ha soltanto un sapore amaro.
Accenderò la miccia, tra le costole e i polmoni, per far esplodere quell'insensibile cuore...
Sarò proiettile sparato dritto nel petto, sarò la parola "Fine",che mi darà la percezione di esistere, se non per la vita, almeno per la morte, di questo disperato amore.
Una poesia ha sempre due verità: quella immaginata dall'autore e quella fantasticata da chi la legge... che forse non sempre coincidono. Scusami, se ho male interpretato, ma questa sera i miei pensieri sono più neri della pece!»
Nemesis Marina Perozzi

«Bellissima e originale poesia d'amore con metafore piacevolissime "smettila di suonare la chitarra dell'inverno" "ho denti dietro la schiena" "ho il collo che ti guarda dalla stella... tormento e ribellione in questi versi. Brava molto coinvolgente. Molto apprezzata soprattutto per il tuo stile sempre impeccabile e originale»
Daniela Pacelli

«Un sentimento tormentato, espressioni molto forti che tagliano l'anima per un amore sofferto. Incredibilmente efficaci le immagini evocate. Molto colpita da questi versi!»
Raggioluminoso

«Tormento, delusione, passione... un sentimento che si strazia nella complessità delle emozioni... Molto suggestiva!»


   «dolce tormento che prende l'anima e la trafigge. una poesia che mi ha molto coinvolto, per l'intensità dei versi, e la splendida correlazione delle immagini che si succedono. applausoni.»
Salvatore Ferranti

«Intensa suggestione in versi trapelanti forte sofferenza da un amore
motivato da complicate emozionalità che ne rendono difficile la profonda comprensione e il viverlo...
Lirica molto apprezzata»
Silvia De Angelis

«I versi, leggermente ermetici, hanno il sapore della ribellione e sembrano esortare a una presa di coscenza ed al cambiamento... in ogni caso racchiudono in se la forza talvolta dirompente della poesia... che in questo caso prende le distanze dagli stereotipi classici, rendendola diversa dalle altre tante e per questo ancor più apprezzabile.»
Mario Bugli

«una carica esplosiva confezionata ad arte... quella di questa mina vagante di cui in calce il nome... il tema in apparenza si potrebbe dire amore... ma stritolano talmente le viscere queste metafore... che ci si potrebbe odiare... Sei fantastica poetessa. cià.»
Aldo Bilato

«ermetica ed esplicita contorta e lineare da grevi toni che dan estasi e tormento
bizzareri accostmenti di parole che dan senso all'indefinito fantastica»
Mr Magoo

«si pone in un quadro di riflessioni e pensieri,
apprezzatissima»
Danielinagranata

«...le tue poesie d'amore, incredibilmente ricche d'ogni sentimento, sensazione ed emozione, poesie che si scagliano contro ogni ingiustizia, e che accolgono tra le braccia ogni petalo dolce dell'amore...
E come sempre, anche questa è incredibilmente bella...»
Simone Bello


Per inserire commenti su questa poesia, vai sul sito Scrivere
 
Giorgia Spurio ha pubblicato in questo sito:
 Le sue 132 poesie

La prima poesia pubblicata:
 Stuprata (27/08/09)

L'ultima poesia pubblicata:
 Il Soffio della Terra (18/12/16)

Una proposta:
 La forza di non temere (19/01/16)

La poesia più letta:
 Magnolie incatenate (30/12/09, 22165 letture)

  


Giorgia Spurio

Giorgia Spurio

Ha scritto anche…

Ultime poesie pubblicate:

Pubblica in…

Ha un blog…

Leggi il blog personale di questo autore!

Ha una biografia…

Giorgia Spurio Leggi la biografia di questo autore!

Ha pubblicato…

Addio Alda
Autori Vari
Poesie per Alda Merini
Pagine: 92 - Anno: 2010
ISBN:


Halloween 2009
Autori Vari
Poesie per Halloween
Pagine: 32 - Anno: 2009
ISBN:


San Valentino 2010
Autori Vari
Poesie d'amore per San Valentino
Pagine: 110 - Anno: 2010
ISBN:


Foto di gruppo con poesia
Autori Vari
Un ritratto degli autori del sito attraverso le loro poesie
Pagine: 200 - Anno: 2009
ISBN: 978-88-6096-494-6


Anime in versi
Autori Vari
Antologia degli autori del sito Scrivere
Pagine: 132 - Anno: 2012
ISBN: 9781471686061


Tu che mi ascolti
Autori Vari
Le poesie che hanno partecipato al Premio di Poesia Scrivere 2010, con tutte le opere partecipanti ed i vincitori
Pagine: 240 - Anno: 2012
ISBN: 9781471686108




Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Poesie scelte più recenti nel sito:

 

Copyright © 2020 Scrivere.info