Poesie scelte da Scrivere.info

L'ago nel pagliaio

Maurizio Melandri

Amore

Cerco l'ago nel pagliaio
nel lupo feroce
cerco l'agnello

come in una perenne ubriacatura
fantastico che dentro
un qualche letamaio
un giorno spunteranno
violette profumate.

Ho radicati
fiori nella pelle
e non ho voglia
di estirparli

quante più volte
sono inciampato
tanto più cocciuto
é il mio correre
invano.

Sento
che un giorno non lontano
passerò l'ago nella cruna
con sulle spalle
cammello e sella.

Tra sputi e abbracci
tra zolle aride
e giardini fioriti
trascino arreso la mia sconfitta

...e la mia rinascita.

Maurizio Melandri | Poesia pubblicata il 08/08/11 | 5209 letture| 4 commenti

 
<< SuccessivaPrecedente >>
<< Successiva di Maurizio MelandriPrecedente di Maurizio Melandri >>
 

Nota dell'autore:

«" je reve une guitar volée de l'énfer ... pour donner la lumiére à mes jours de malheur ... " " Sogno una chitarra rubata all'inferno ... per dare un po' di luce ai miei giorni tristi ... " Radiodervish»

 

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.


4 commenti a questa poesia:
«L'autore non vuole viaggiare nelle incertezze della vita, è costantemente alla ricerca di qualcosa a cui crede e non smetterà mai di credere. Una profonda riflessione su se stessi è la rinascita.»
Stella Corrado

«una diagnostica di cuore e anima superlativa, il cui emulato andato dona ora l'ebrio del venire... MERAVIGLIOSA»
Splendido Leotta Michele

   «Versi sinceri e di rara bellezza nell'auspicare una rinascita attraverso l'amore. Un viaggio interiore tra sconfitte e vittorie per abbracciare infine la purezza del senso dei giorni. Sublime.»
Loreta Salvatore

«Sognare così forte da avere un'anticipazione di quella bellezza che si troverà -la chitarra rubata...?-.
Perché il sognatore non rinuncia ai fiori che ha addosso, non smette di inciampare camminando sul suo arcobaleno e crede davvero in ciò che spera.
Come Fenice, o altrimenti cercatore di aghi nel pagliaio, sei sempre tenacemente attaccato alla bellezza della vita, tu.»
hy ju


Per inserire commenti su questa poesia, vai sul sito Scrivere
 
Maurizio Melandri ha pubblicato in questo sito:
 Le sue 22 poesie

La prima poesia pubblicata:
 Assenza (15/01/10)

L'ultima poesia pubblicata:
 Mia (21/05/17)

Una proposta:
 Non parlerò più (13/04/16)

La poesia più letta:
 Arpa Celtica (15/11/11, 8172 letture)

  


Maurizio Melandri

Maurizio Melandri

Ha scritto anche…

Ultime poesie pubblicate:

Pubblica in…

Ha una biografia…

Maurizio Melandri Leggi la biografia di questo autore!



Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Poesie scelte più recenti nel sito:

 

Copyright © 2018 Scrivere.info