Poesie scelte da Scrivere.info

Arpa Celtica

Maurizio Melandri

Amore

Ho suonato il tuo corpo
tutta la notte
come un’arpa celtica
emanava sospiri e languori
sinuosi attraversavano l’aria
onde temerarie
e senza ormeggio.

Ebbra
nel dormiveglia
forse cosciente
forse no
volutamente assente
inesperta e fragile
ai miei occhi adoranti.

Le braccia diafane
abbandonate
all’alba ti sussurro
sillabe impronunciabili .

Ti guardo rapito
come non fossi più
creatura umana
ma una corda di violino
muta e tesa.

Appendo al ramo
le mie parole
perché ora
desiderio incalza
e nel silenzio più assorto
mi chiedi di sfamare
la tua voglia.

In essa, ardente
mi addentro.

Vorrei esserti ovunque
come acqua piovana
che invade ogni terreno anfratto
durante la piena della tempesta.

Maurizio Melandri | Poesia pubblicata il 15/11/11 | 8172 letture

 
<< SuccessivaPrecedente >>
<< Successiva di Maurizio MelandriPrecedente di Maurizio Melandri >>
 
 

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.


Per inserire commenti su questa poesia, vai sul sito Scrivere
 
Maurizio Melandri ha pubblicato in questo sito:
 Le sue 22 poesie

La prima poesia pubblicata:
 Assenza (15/01/10)

L'ultima poesia pubblicata:
 Mia (21/05/17)

Una proposta:
 Non parlerò più (13/04/16)

La poesia più letta:
 Arpa Celtica (15/11/11, 8172 letture)

  


Maurizio Melandri

Maurizio Melandri

Ha scritto anche…

Ultime poesie pubblicate:

Pubblica in…

Ha una biografia…

Maurizio Melandri Leggi la biografia di questo autore!



Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Poesie scelte più recenti nel sito:

 

Copyright © 2018 Scrivere.info