Poesie scelte da Scrivere.info

Perdonami

Francesco Rossi

Introspezione

Illuminato Pastore
poiché il Tuo nome
suona squillante
sulle città del mondo
colte e gloriose,
dall'alto dove Tu regni
perdona i miei versi
penosi e viziosi.
L'amor che il tuo cuor
mi dona vorrei barattarlo
con un gesto mio d'umano amor
verso la persona.
Vorrei rinnovare
questa vita indegna
non solo con poesia,
rima o strofa leggera
ma con passione
vorrei sentire
una nuova canzone al cuore;
che muti l'apparenza,
che disperda l'arroganza
e per un altro secolo
sia sconfitta l'ignoranza.
L'inconsapevolezza esistente
che muta il cuor della gente
offende le ancor pure coscienze
disperse nella massa incorporea
delle apparenze.

Francesco Rossi | Poesia pubblicata il 07/12/12 | 2831 letture| 18 commenti

 
<< SuccessivaPrecedente >>
<< Successiva di Francesco RossiPrecedente di Francesco Rossi >>
 
 

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.

18 commenti a questa poesia:
«Quanta umiltà e timore nei versi della prima strofa. Denoto il sentimento di riverenza con cui l'autore si approccia alla figura del Signore, e lo fa con una preghiera di semplici versi. Una passionale canzone, che parte dal cuore, declamante il rinnovamento dei valori per abbattere l'ignoranza e l'arroganza dei popoli della Terra, i quali con fonti e archetipi perversi di un materialismo insensato s'imbattono nella violenza e nella superbia, assumendo atteggiamenti insolenti che offendono le umane coscienze. Rime scelte meritatissime.»
Giovanni Chianese

«E' stato già detto tutto, che altro dire se non ILLUMINATO, UMILE E PROFONDO ben oltre la "...massa incorporea delle apparenze..."
meritatamente in rime scelte!»
Duilio Martino

«Capisco ancor meglio, leggendolo, perché mi sento tanto lusingata ogni volta che questo "poeta" legge i miei versi e li commenta... io non riesco neppure a commentarli i suoi. Grazie per l'emozione provata
Anna Elvira»
Anna Elvira Cuomo

«I versi din questa lirica mi hanno colpito per l'umiltà del Poeta e per la spiritualità che mi hanno trasmesso... Rinnovare la vita per sentire una "nuova canzone", per disperdere l'arroganza e per formare una nuova umanità...Ecco quali sono i propositi dell'autore che dovrebbero essere i propositi di tutti... Complimenti al Poeta per la sua sincera umiltà e per questi versi che fanno molto riflettere...»
Sara Acireale

«Invocazione di un'anima profonda e sensibile che chiedendo perdono per sé in realtà prega per il mondo intero, con una purezza d'intenti e una delicatezza di stile che toccano intensamente il cuore.»


«Inconfutabili verità scritte magnificamente dall'autore, la semplicità come emblema dell'umiltà d'animo che è la vera ricchezza che ognuno di noi dovrebbe ricercare. Poesia molto sentita. Bellissima.»
chiarastella

«Il Poeta ha veramente colpito al cuore la nostra povera umanità. Finché non saremo capaci d'amare fino in fondo, facendoci imitatori di Cristo, il nostro amore per il fratello sarà pianta senza radici, che il primo alito di vento allontanerà dal nostro cuore. Solo quando saremo capaci di amare intensamente non troveremo più giustificabile il disamore per chi ci ha offeso. sensibile Poeta che mette a nudo l'anima. segnalo e conservo, condivido profondamente, complimenti»
francesca maria soriani

«Profonda sensibilità che scaturisce da versi che emozionano il cuore l'anima e lo spirito nel desiderio di rinnovamento, di abbandono, di rinascita in Lui. .»
Rita Verrocchio

«A volte basta partire dalle piccole cose onde arrivare a tanto – un inizio questo che l’autore non manca di ricordarci affinché possiamo dirigerci sulla retta via.»
Berta Biagini

   «Si vorrebbe andare oltre l'effimero e l'apparire... Il rischio che spesso corre il poeta (almeno quello sincero e profondo) è che i suoi versi( pur apprezzati) risuonino allettando, certamente emozionino chi ascolta, ma non bastino finché il cuore reclama un radicale, più concreto e fattivo cambiamento di vita, rinnovamento di un sè, rigenerato nell'arte non meno che nei rapporti con il prossimo. Con questa lirica lo scrittore sembra voler uscire dalle schematiche di riferimento usuali con cui ci si accosta al contenuto di un'opera e, pur con la consueta raffinatezza di versi, offrire non pochi spunti di riflessione, in merito, comparando, con grande senso autocritico Vita e Poesia. Tutto ciò merita il nostro più caloroso plauso»
giovanni bagnariol

«la leggo come un sentita preghiera che esce dai soliti schemi... intesi versi che toccano il cuore... molto sentta ed apprezzata...»
carla composto

«Veramente da condividere questa supplica che oltrepassa i confini della preghiera e si fa portavoce di ciò che l'anima, la mente chiedono. Il poeta si rivolge all'Essere superiore ben sapendo che senza quell'aiuto la meschinità umana non può mutarsi in conoscenza e amore. Da incorniciare»
elena rapisa

«la serenità di una preghiera che nasce dall'anima... un abbraccio universale teso a redimere tutto il genere umano,,,,bellissima»


«una preghiera umile e sincera, che viene dal cuore, il voler essere, non apparire. versi intensi che fanno davvero riflettere e porsi dei quesiti. molto bella. complimenti»
Rosanna Peruzzi

«Intensa e riflessiva preghiera molto sentita e condivisa in pieno. Scritta magistralmente e piaciuta. Plauso...»
Ela Gentile

«Già ... si vive per le apparenze e nella superficialità in piena inconsapevolezza ... spesso si nota questo fatto e per chi ha e usa una coscienza si rende conto della grave condizione ... Questi versi suonano come ribellione ma anche come dolce preghiera per svegliare le coscienze e abbracciare ciò che di bello la vita ci regala ogni istante. Molto apprezzata.»
Gentiana Marika

«E' una bellissima preghiera riflessiva, diversa dalle solite preghiere. Molto bella, versi intensi che escono dal cuore. Un bravo a questo autore che ogni giorno ci stupisce sempre più.»


«L'Autore chiede umilmente perdono per i suoi versi "penosi e viziosi".
Ma, a ben guardare, dal primo all'ultimo verso di questo brillante Poeta, c'è tanto calore ed amore.
Lirica piaciuta ed apprezzata per stile e contenuto. Complimenti.»
Alberto De Matteis


Per inserire commenti su questa poesia, vai sul sito Scrivere
 
Francesco Rossi ha pubblicato in questo sito:
 Le sue 12 poesie

La prima poesia pubblicata:
 Infinita pace (12/12/11)

L'ultima poesia pubblicata:
 Nella mente (06/05/17)

Una proposta:
 Ode (18/12/16)

La poesia più letta:
 Infinita pace (12/12/11, 6425 letture)

  


Francesco Rossi

Francesco Rossi

Ha scritto anche…

Ultime poesie pubblicate:

Pubblica in…

Ha un blog…

Leggi il blog personale di questo autore!

Ha una biografia…

Francesco Rossi Leggi la biografia di questo autore!



Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Poesie scelte più recenti nel sito:

 

Copyright © 2018 Scrivere.info