Poesie scelte da Scrivere.info

Quieto evo solitario

Calogero Pettineo

Introspezione

Ogni giorno, si perde
ogni giorno, in modo differente.

Si esala insieme ai discorsi
rimati dentro, chiusi
nell'isolamento della pena.

Si muore, senza accogliere
la vita che arabesca il mondo
smarrito come nebbia
in quest'aria che esaspera.

Si muore, camminando
nell'apparente crepuscolo
imbrogliato dal grigio delle ore
mentre dentro diluvia
e ride a crepapelle, la solitudine.

Calogero Pettineo | Poesia pubblicata il 16/02/13 | 2478 letture| 5 commenti

 
<< SuccessivaPrecedente >>
<< Successiva di Calogero PettineoPrecedente di Calogero Pettineo >>
 
 

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.

5 commenti a questa poesia:
«Veramente molto bella e struggente questa visione... che anziché godere degli arabescati colori della vita... muore nella solitudine... imbrigliato dalle ore... Molto ben descritta con versi sciolti che si leggono tutti d'un fiato---»
Caterina Tagliani

«un accurato affresco della vita e della solitudine. Molto apprezzata»
Antonella Dadone

«Vita che arabesca il mondo smarrito ...e si cammina verso un crepuscolo immaginario mentre la solitudine gode della sua stessa essenza.
Versi molto belli che coinvolgono, parole scelte con cura per dare una forma precisa al proprio pensiero. molto piaciuta!»
Gentiana Marika

   «Versi da incorniciare tanto sono belli e soprattutto veri e profondi. Ogni parola sarebbe superflua per sottolineare un pensiero così arguto e determinato, così profondo. Un pensiero che raccoglie con estrema emozione la sfumatura di un cuore sensibile e attento al quotidiano e ai propri giorni.»
Rita Minniti

«Quanto sono veri questi versi... "Ogni giorno si perde.../in modo differente"... già perché il tempo scorre ed ogni giorno trascorso è un giorno in meno della nostra vita, vissuto nella sua unicità, tra malinconici ricordi che spesso ci distolgono dal vivere del momento.
Vita che andrebbe vissuta nella sua pienezza sfugge pian piano "Si muore..." nella solitudine del vivere. Letta con apprezzamento, così l'ho sentita.»
Gaia22 Tiziana Porcelli


Per inserire commenti su questa poesia, vai sul sito Scrivere
 
Calogero Pettineo ha pubblicato in questo sito:
 Le sue 63 poesie

La prima poesia pubblicata:
 Male Letale (29/12/09)

L'ultima poesia pubblicata:
 Colpevole d’Amarti (17/01/18)

Una proposta:
 Confusione (28/09/17)

La poesia più letta:
 La Rima (14/02/10, 8595 letture)

  


Calogero Pettineo

Calogero Pettineo

Ha scritto anche…

Ultime poesie pubblicate:

Pubblica in…

Ha una biografia…

Calogero Pettineo Leggi la biografia di questo autore!

Ha pubblicato…

San Valentino 2010
Autori Vari
Poesie d'amore per San Valentino
Pagine: 110 - Anno: 2010
ISBN:


Festa delle Donne 2010
Autori Vari
Poesie per la Festa delle Donne. Il lato femminile della poesia
Pagine: 107 - Anno: 2010
ISBN:


Se tu mi dimentichi
Autori Vari
Le poesie che hanno partecipato al Premio di Poesia Scrivere 2011, con tutte le opere partecipanti ed i vincitori
Pagine: 208 - Anno: 2012
ISBN: 9781471686214




Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Poesie scelte più recenti nel sito:

 

Copyright © 2018 Scrivere.info