Poesie scelte da Scrivere.info

Eos, gemma dell'Aurora

Tonia Fracella

Fantasia

Custodirai con un filo di silenzio
il fragile respiro ai bordi del l'aurora
quando è solo aria al nascere del giorno
appeso al verbo di una lacrima
rimasta per tacere il sogno

Fra le prime tracce tese al cielo
rifletterai ancora il sole, giaciglio di luce
a ritrovare casa, stupore e colore
unito nelle pieghe dai riflessi chiari.
Sarai l'incanto del trasparente divagare

Il soffio al passaggio di un risveglio
a riscoprire amore sul sentiero
e desiderio tremato all'orizzonte dell'alba
fatto per pronunciar germogli controvento
se una goccia piangerà destino.

Sarà culla muta ad accogliere rugiada
che non rinnega le ore di diamante
né l'emozione custodita al ventre
degli anni d'oro ormai trascorsi a nervo.
Esile clamore senza tratti scuri

Per un fiato perduto fra i diverbi
il figlio del ricamo d'acqua dolce
solo nel ritmo dei mattini spenti
e sudario stretto ai lembi di preghiera
a rimpiangere una trama antica al cuore.

Tonia Fracella | Poesia pubblicata il 20/11/13 | 3277 letture| 10 commenti

 
<< SuccessivaPrecedente >>
<< Successiva di Tonia FracellaPrecedente di Tonia Fracella >>
 

Nota dell'autore:

«Eos è una figura della mitologia greca, dea dell'aurora. Esiodo la indica come figlia di due titani: Iperione e Teia. Era sorella di Elio (il Sole) e di Selene (la Luna). È moglie di Astreo, col quale ha generato i venti Zefiro, Borea, Noto ed Apeliote. In seguito generò anche Phosphoros. Omero la chiama "la dea dalle rosee dita" per l'effetto che si vede nel cielo all'alba.
Immagine: Eos, nell'interpretazione dell'artista William- Adolphe Bouguereau, 1881
»

 

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.


10 commenti a questa poesia:
«Una lirica meravigliosa, impostata con grande stile lirico che coinvolge il lettore. Un'ode all'aurora quando "è solo aria al nascere del giorno e tracce tese al cielo...". E' un risveglio di giornata scritto in maniera dolcissima con grande proprietà lessicale e con ritmo molto musicale. E' il tipo di costruzione lirica che amo molto leggere, quasi un poetare dei classici d'un tempo!»
Salvatore Masullo

«Una poesia che richiama alla mente immagini e sensazioni di una realtà in cui vissuto e ricordi sembrano fondersi in un’atmosfera fantastica, egregiamente espressa da metafore, quasi fosse un dipinto informale.»
Salvatore Linguanti

«Il sorgere dell'aurora e i delicati varchi di luce fra sentieri percorsi da desideri e sogni, gemmanti sull'acqua di una lacrima. Un posto incantato che la mente può fermare per accogliere in quelle dolci culle tramate tra fili di sole i desideri e gli incanti.
splendida lirica, dove l'immaginazione coglie un mondo fantastico che disseta l'arsura del quotidiano vivere»
francesca maria soriani

«Il fascino dell'Aurora decantato come occhi di neonato che per la prima volta si schiudono sul mondo, uno sguardo limpido catturato da fasci diamantini di nuova luce nel nuovo giorno»
Carla Colombo

«Si articolano i versi soavemente, tra fila di silenzio e respiri tra le dita rosate che accarezzano il nuovo tempo dell'essere ed esistere nella sua prima fase. Una vera perla la 3^ strofa che ho apprezzato in particolar modo.»
Poesiaerre

   «Il passaggio di un sentiero che trova amore e quindi luce ne regala l'essenza e brulica pensieri... versi di una spiccata profondità interiore e neravigliosa introspezione emotiva...»
Rosita Bottigliero

«tra mitologia... ed amore versi incantati e dolcissimi... ai quali l'autrice ci ha abituato...»
carla composto

«C'è un fascino che avvolge nei versi di questa autrice, fascino che si va perdendo nei linguaggi approssimativi di oggi. Eos, la dea dalle dita rosate, la vediamo viva in questi versi mentre accompagna gli umani verso il mattino, in quella culla di luce che anche per noi si fa colore e stupore.»
nemesiel

«Una poesia degna della Dea dell'Aurora, elegante, fantasiosa, colma di immagini originali e di accostamenti di termini nuovi. Una poesia che conquista e affascina. B r a v i s s i m a»
Stefano Drakul Canepa

«Versi stupendi, che accarezzano il cuore e metafore di una straordinaria dolcezza... quasi una preghiera alla Dea. La trovo talmente bella che trovo inutile anche un mio semplice commento... splendida poesia!!!!»
Simona Biancolin


Per inserire commenti su questa poesia, vai sul sito Scrivere
 
Tonia Fracella ha pubblicato in questo sito:
 Le sue 14 poesie

La prima poesia pubblicata:
 Angelo di un ricordo (21/06/12)

L'ultima poesia pubblicata:
 Questa terra (03/10/16)

Una proposta:
 Autunno (24/09/16)

La poesia più letta:
 Respiro di stilla (02/10/12, 4487 letture)

  


Tonia Fracella

Tonia Fracella

Ha scritto anche…

Ultime poesie pubblicate:

Pubblica in…

Ha una biografia…

Tonia Fracella Leggi la biografia di questo autore!



Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Poesie scelte più recenti nel sito:

 

Copyright © 2020 Scrivere.info