Poesie scelte da Scrivere.info

Nata da te

carla vercelli

Donne

Sono nata da te
un giorno che non ho scelto
dallo spasmo del tuo sterno
al nostro primo bacio,
dalla ruvida tenera carezza del vasaio
sulla mia gota accesa di terra rosa
oltre l’insenatura dell’angelo,
oltre la collina dei melograni,
nel liquido mescolio dell’otre colmo
di lingue e vento ad assegnare un nome
alle nuvole soffici del cuore
foriere di cambiamento.

Sono nata il giorno
che ti ho creduto infatuazione,
dapprima un vagito sommesso,
in seguito sei diventato desiderio,
il pianto si è tramutato in annuncio di vita,
a tratti vissuta quando ti trasformasti in passione,
feconda quanto una pioggia torrenziale sulla pelle nuda.

Ora è liberatorio canto di felicità
il tuo ultimo bacio,
mi fa nascere ogni giorno, che non ho scelto,
come una vanessa da ghirlande di gerbere,
una terra d’oltremare da colonizzare per gioco,
senza alcun sopruso.

Io sono nata da te quando ti ho chiamato amore.

carla vercelli | Poesia pubblicata il 15/07/14 | 3890 letture| 3 commenti

 
<< SuccessivaPrecedente >>
<< Successiva di carla vercelliPrecedente di carla vercelli >>
 

Nota dell'autore:

«L’immagine è dell’autrice, "Amorino in riva al mare", olio su tela.»

 

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.

3 commenti a questa poesia:
«Mi piace per come descrivi l'Amore in un crescendo che mi ha lasciato senza parole per bellezza e intensità. Quando leggo: "Io sono nata da te quando ti ho chiamato amore" mi fai comprendere che l'amore ti realizza e ti dà vita. Poi, mi viene da pensare: l'amore si realizza pienamente con una dichiarazione (come quella che hai usato nella tua chiusa) oppure con il riconoscimento di un'altra persona nei nostri riguardi che trasfigura il nostro nome con il sostantivo amore? Penso che se avessi scritto: "Io sono nata quando mi hai chiamato amore" saresti stata ugualmente la protagonista dei tuoi versi, ma avresti messo in evidenza la realtà che i tuoi sentimenti venivano ricambiati.»
Fabio Mancini

«Un sentire l amore oltre l amore. Di sangue nel sangue, di radici tra radici. Un Ritrovarsi in un amore ancestrale sentito vissuto da vivere oltre il tempo che fluisce.
Testo intenso di memoria e ricordo. Brava.»
Eolo

   «Poetica di impatto, emozioni da donna a donna che arrivano al maschio in un incessante poetare che avvolge l'amore e lo condensa nella vita.»
Francesco Rossi


Per inserire commenti su questa poesia, vai sul sito Scrivere
 
carla vercelli ha pubblicato in questo sito:
 Le sue 21 poesie

La prima poesia pubblicata:
 Rosa selvatica (14/05/10)

L'ultima poesia pubblicata:
 Due usignoli (07/06/19)

Una proposta:
 Guadando il fiume (12/07/17)

La poesia più letta:
 Regalami un interno di Vermeer (11/04/11, 6267 letture)

  


carla vercelli

carla vercelli

Ha scritto anche…

Ultime poesie pubblicate:

Pubblica in…

Ha una biografia…

carla vercelli Leggi la biografia di questo autore!



Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Poesie scelte più recenti nel sito:

 

Copyright © 2020 Scrivere.info