Poesie scelte da Scrivere.info

Orme sulla sabbia

Franco Scarpa

Vacanze

Affiorò dai flutti la coda,
si tinse d’argento il mare,
e un canto versò nell'anima
in soave languor.

L’arzilla sirena sciolse le trecce
ed animò l’onda,
lambì i miei piedi
sfilando sotto l’aureo color.

La strinsi per non cadere,
dalle labbra d’acceso corallo
mi donò un bacio
di salmastro sapor.

L’impeto del suo respiro
divenne brezza nel mio viso;
ai sogni senza chance
soffiò via ogni timor.

Nel riflesso dei suoi occhi
spumeggiava un brillio color lillà,
e nelle rive trapuntate di lavanda
sbocciarono i fior.

E poi si sciolsero le mani
dal nastro di confine tra terra e l’abisso;
su un cavalluccio marino
fuggì il mio amor.

Spargendo conchiglie
come fossero petali di candida rosa,
lasciò sulla sabbia delle orme incantate
per arrivare sempre al suo cuor.

Franco Scarpa | Poesia pubblicata il 10/08/14 | 2828 letture| 3 commenti

 
<< SuccessivaPrecedente >>
<< Successiva di Franco ScarpaPrecedente di Franco Scarpa >>
 
 

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.


3 commenti a questa poesia:
«Dolcissima storia, ricca di quella piacevole fantasia d’un tempo, adatta proprio a strappare spontanei sorrisi a ogni lettore.
La fiaba sprigiona serenità, gioia di vivere e capacità d’inventiva, mescolando momenti curiosi, ma anche romantici e quindi sognanti, riferiti all’improvviso apparire ondeggiante della sirena, figura simbolica dalle svariate interpretazioni, anche oniriche.
Non manca, persino, il senso di valore del messaggio positivo, a conclusione della vicenda, la quale, in modo calzante, si presterebbe a un libro illustrato.»
Galante Arcangelo

«Il mare, sirena è la dolce visione a strappare poesia dal nobile cuore. Dolce il canto delle onde che si appresta a baciar labbra di sale, libero l'impeto a mutarsi in vento che ogni timore scomparve negli abissi, scacciati i pensieri, desiderio è il galoppo sulle ali dell'amore. Stato d’animo ultrasensibile in poesia regala oniriche sensazioni.»
Giovanni Chianese

   «Da profondi abissi blu le sinuose movenze di una dolce sirena che anima l'onda.
Come vedere un sogno e sentire una favola azzurra nella melodia del vento.
Fili lucenti salgono dal mare ad ammaliare il cuore.
Bella Bella! Apprezzatissimo contenuto e stile.»
Mariasilvia


Per inserire commenti su questa poesia, vai sul sito Scrivere
 
Franco Scarpa ha pubblicato in questo sito:
 Le sue 8 poesie

La prima poesia pubblicata:
 Prima dell'alba (25/05/14)

L'ultima poesia pubblicata:
 Il canto dell’usignolo (30/04/18)

Una proposta:
 Autunno dai colori antichi (18/10/15)

La poesia più letta:
 Il cuore di pietra (30/04/16, 3922 letture)

  


Franco Scarpa

Franco Scarpa

Ha scritto anche…

Ultime poesie pubblicate:

Pubblica in…

Ha una biografia…

Franco Scarpa Leggi la biografia di questo autore!



Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Poesie scelte più recenti nel sito:

 

Copyright © 2020 Scrivere.info