Nuovi autori:

Archivio poesie:

Gli autori:

Poesie scelte da Scrivere.info

Proteggersi per finta

Cristiano De Marchi

Riflessioni

Domani sarà tutto come ieri
dalla stessa fontana sgorgherà acqua fredda,
i rumori della città arriveranno quanto prima
e sveglieranno il silenzio come ogni mattino.

Domani sarà tutto come oggi
senza futuro per chi disegna l'ombra
senza passato per chi cesella l'istante
senza presente per chi invade la notte.

Un lampione farà troppa luce
e la curiosità d'un ratto affamato
distruggerà le perplessità del sonno
che non c'è, che non è mai stato.

Il naviglio scorre nero e silenzioso
tra la nebbia acquolina che m'avvolge,
come un mantello caldo e tenebroso
col quale mi proteggo per finta.

Cristiano De Marchi | Poesia pubblicata il 27/12/15 | 1346 letture| 7 commenti

 
<< SuccessivaPrecedente >>
<< Successiva di Cristiano De MarchiPrecedente di Cristiano De Marchi >>
 

Nota dell'autore:

«Una notte con un clochard...
(Foto da web)
»

 

Creative Commons LicenseQuesta poesia è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons: è possibile riprodurla, distribuirla, rappresentarla o recitarla in pubblico, a condizione che non venga modificata od in alcun modo alterata, che venga sempre data l'attribuzione all'autore/autrice, e che non vi sia alcuno scopo commerciale.

7 commenti a questa poesia:
«Giorni grigi che si rincorrono l'un con l'altro, uguali se non in peggio per queste anime vive, inquiete, rassegnate. Gente che si confonde fra la gente che passa accanto con noncuranza, senza intravedere, né sentire quel rispetto che la loro muta voce, umile, grida. Ognuno di loro ha una storia degna di essere raccontata e che vive racchiusa, in solitudine, nel loro cuore. Immagini descritte dall'Autore in maniera sentita, vissuta. Plauso!»
Angela Schembri

«Quanta amara consapevolezza del sapere che nulla cambia, che il fervore spirituale, spesso solo apparente, che ci invade svanirà e il dolore di ognuno e di tanti, degli invisibili soli sarà come è sempre stato. Dovrebbe tenerci svegli quel lampione se fosse acceso nella nostra anima e lasciarci desti a riflettere e poi fare...»
nemesiel

«La reale difficoltà di vivere delle persone meno fortunate. Un dolore reale e tanta solitudine sono loro compagni di vita. Grande lirica attenta e sentita.»
Antonella Dadone

«grave problema sociale la solitudine e la mancanza di una fissa dimora, l'autore scava nell'intimo del cuore per dar voce di chi nel bisogno è solo, dimenticato, e talvolta illuso con promesse mai mantenute...»
emiliapoesie39

   «Triste realtà. Domani sarà tutto come ieri perché manca la volontà e l'indifferenza è un fenomeno che va allargando.»
Claretta Frau

«Una realtà di grande disagio raccontata con delicata sensibilità. Difficile pensare a un domani se non si hanno prospettive, sembra di essere in una strada che non conduce da nessuna parte. Il poeta narra tutto questo in un'opera che diventa voce di coloro che non hanno più parole. Molto apprezzata.»
Pagu

«un grosso tema sociale trattato dal poeta con delicatezza, quasi in punta di piedi, senza sminuire la gravità del problema... molto sentita ed apprezzata il mio elogio»
carla composto


Per inserire commenti su questa poesia, vai sul sito Scrivere
 
Cristiano De Marchi ha pubblicato in questo sito:
 Le sue 22 poesie

La prima poesia pubblicata:
 Il gioco dell'amore (29/04/12)

L'ultima poesia pubblicata:
 Viva l'dì (23/05/17)

Una proposta:
 Attenda il resto (03/04/17)

La poesia più letta:
 Il gioco dell'amore (29/04/12, 4110 letture)

  


Cristiano De Marchi

Cristiano De Marchi

Ha scritto anche…

Ultime poesie pubblicate:

Pubblica in…

Ha una biografia…

Cristiano De Marchi Leggi la biografia di questo autore!



Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Poesie scelte più recenti nel sito:

 

Copyright © 2017 Scrivere.info