Poesie scelte da Scrivere.info

Signor parkinson

Franca Merighi

Introspezione

Come accettare la realtà?
dei passi sempre più incerti,
delle mani tremolanti, e
tanta paura di guardare avanti...

La schiena che si curva molto in giù
e il respiro affannoso del cammino,
come accettare questo destino?
te lo domandi mille volte e più...

Eppure lui rimane lì, sornione...
a guardarti mentre fai tanta fatica,
non gliene importa niente che tu dica,
tanto vale cercar rassegnazione...

Vorresti fare ma non puoi,
lui ti dice fin dove arrivare,
ricordi i tempi ormai non tuoi,
Sei prigioniera, non lo dimenticare!

Franca Merighi | Poesia pubblicata il 06/01/17 | 2264 letture| 5 commenti

 
<< SuccessivaPrecedente >>
<< Successiva di Franca MerighiPrecedente di Franca Merighi >>
 
 

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.

5 commenti a questa poesia:
«Non posso che ammirare la grande forza della poetessa e per il tema trattato e per essere lei stessa testimone della malattia devastante.»
Marinella Fois

«In questi versi pieni di pathos, ogni parola è freccia infuocata che colpisce al cuore soprattutto chi conosce l’amaro gusto della convivenza forzata con tale signor Parkinson.
Allo stesso tempo tra le righe si percepisce la grande forza di chi non si è arreso e continua a lottare.
Testimone di questa forza è il coraggio di scrivere, di raccontare il proprio calvario, azioni terapeutiche di una maieutica che con le parole partorisce il dolore.
Grande ammirazione per questa poetessa e per la sua poesia.»
Patrizia Chini

«Un argomento difficilissimo da affrontare ma adoro lo spot con il quale la brava poetessa ha saputo offrire con immagini significative che ancorché spesso visibili ai nostri occhi toccano molto il cuore ed anche la mente del lettore fortunato a non viverlo in prima persona. di fronte a queste malattie non basta solo il rispetto o la speranza ma anche la comprensione e lo sforzo di immaginare e compenetrarsi in tutto il tessuto sociale che vive anzi sopravvive intorno a questo immenso problema. Sono ammirato e commosso.»
Luciano Capaldo

   «Parkinson è una malattia tremenda che, a poco a poco, risucchia la vita. Questa malattia è caratterizzata da disturbi del movimento. La vita dei portatori di Parkinson è una continua lotta, può diventare una sfida e alla fine ci si può sentire stremati. Argomento non facile ma la Poetessa ci riesce bene.»
Sara Acireale

«Il parkinson, malattia neurovegetativa a carattere progressivo che interessa diverse funzioni da quella motoria a quella cognitiva e comportamentale fa una tremenda paura per chi soffre e per chi sta vicino. Ci vuole tanta pazienza e tanto sacrificio, ma soprattutto tanto amore e dedizione. La brava Autrice, con questa poesia, che ben merita la vetrina di "Rime Scelte", ha ben descritto e con particolari reali ed emozionanti la persona affetta da questa terribile malattia, le cui cause sono ancora ignote. Pertanto è auspicabile anche per questo "morbo" una continua ed accurata ricerca.»
Alberto De Matteis


Per inserire commenti su questa poesia, vai sul sito Scrivere
 
Franca Merighi ha pubblicato in questo sito:
 Le sue 11 poesie

La prima poesia pubblicata:
 Come le foglie in autunno (31/10/15)

L'ultima poesia pubblicata:
 Triste realtà (12/08/17)

Una proposta:
 Notte Santa (24/12/16)

La poesia più letta:
 Cobardía (12/01/16, 7368 letture)

  


Franca Merighi

Franca Merighi

Ha scritto anche…

Ultime poesie pubblicate:

Pubblica in…

Ha una biografia…

Franca Merighi Leggi la biografia di questo autore!



Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Poesie scelte più recenti nel sito:

 

Copyright © 2020 Scrivere.info