Poesie scelte da Scrivere.info

Câblé n. 5

carla vercelli

Introspezione

Mi hai già vista
in un teatro sul mare ad Ischia.
La solista cantava "Passione"
a piedi scalzi
e tu guardavi me
come fossi la donna del tuo destino.

In una fiaba di Andersen
ci siamo baciati
e in un quadro di Van Gogh
abbiamo passeggiato per le strade di Arles
fra i tavolini illuminati dalla luna.
Sì, eri tu, non ricordi?

Abbiamo conversato tra le pagine
delle "Affinità elettive" di Goethe
e fatto l’amore con drammaticità
nei film di Bertolucci.

Sì, ci siamo già visti
in tutto questo universo interiore
e poi visti per la prima volta
in quell’oscuro desiderio
generato dal corpo,
imprescindibile dall’essenza
pur velata da trasparenze.

Resiliente e indeformabile
il fil rouge di una vita
è un cuore non scisso

con nessun altro merito
e nessun altro peccato
che quello d’esistere.

carla vercelli | Poesia pubblicata il 28/01/17 | 2584 letture| 8 commenti

 
<< SuccessivaPrecedente >>
<< Successiva di carla vercelliPrecedente di carla vercelli >>
 
 

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.


8 commenti a questa poesia:
«Quattro fotogrammi di incontri pregiati tessuti "nel fil rouge di una vita "in una introspezione intrecciata con mani di fata. Questa è l'esistenza che diventa una fiaba romantica che scorre in una originale e colta descrizione poetica! Elogio!»
Giovanni Ghione

«Anime che si riconoscono quando i gusti per tutto ciò che rappresenta l'arte sono gli stessi... incontrarsi al teatro e rendersi conto di essere davanti al destino che ha deciso di far scoccare la scintilla... ritrovarsi tra dipinti e romanzi... davanti un film ...capire di essere simili e sognare ad occhi aperti ...versi romantici e profondi per un'introspezione originale...»
Giacomo Scimonelli

«Dal teatro di Ischia ai film di Bertolucci è tutto
un susseguirsi di sguardi, un incontro di cuore
e anima di due persone che il destino ha stabilito
di far stare insieme, uniti per sempre.
Bei versi introspettivo dalle immagini suggestive.»
Alberto De Matteis

«le affinità d'animo e di desideri rendono più forte una storia d'amore. Un testo molto articolato e strutturato con precisa volontà dell'autrice a ricalcare questo aspetto positivo dell'affinità elettive che rendono la coppia 'annodata' per sempre. Gran bel lavoro»
Merlino

   «Una passeggiata dentro la propria anima... unico peccato... quello di esistere...è proprio così...una trama sofisticata e sottile, questi versi, che accompagnano il lettore assieme all'autrice... in una fiaba romantica, un quadro che ha i colori di una camminata al chiaro di luna... un libro intellettuale e un film che è il nastro di una vita intera, fatta di passioni, emozioni e consapevolezza di essere quello che si è, senza voler essere nient'altro. Complimenti, versi introspettivi d'impatto. Stupendi versi»
Rosanna Peruzzi

«Molto romantica un tocco di eleganza per tanti passaggi
dall'arte alla poesia direi un ricordo e un omaggio ai grandi del
passato oltre al sogno di una cena al lume di candela. Grande Carla»
Daniele miraflores

«Magnifica introspezione che mi ha particolarmente colpito. L'incipit alla poesia mi è parso una poesia nella poesia. Naturalmente il tutto ha un sapore di antico e di bellezza. I miei complimenti sinceri.»
Umberto De Vita

«Secondo il mio modesto parere, per interpretare bene questa profonda poesia bisogna partire dalla terza strofa, da quelle goethiane "affinità elettive" che non nascono per caso, ma solo se ci sono stati precedenti solidi retroterra. Mi sembra che la poetessa voglia giustamente sostenere che due persone si piacciono tanto più quanto più i loro gusti sono simili ("Chi si somiglia, si piglia", diceva mia nonna) . E allora una donna e un uomo che hanno la stessa passione per una certa musica, per l'evasione poetica, per un tipo di pittura, per alcune città, per sofisticati film erotici, quando si incontrano si riconoscono facilmente, e facilmente può scoccare la scintilla dell'amore.»
Antonio Terracciano


Per inserire commenti su questa poesia, vai sul sito Scrivere
 
carla vercelli ha pubblicato in questo sito:
 Le sue 21 poesie

La prima poesia pubblicata:
 Rosa selvatica (14/05/10)

L'ultima poesia pubblicata:
 Due usignoli (07/06/19)

Una proposta:
 Guadando il fiume (12/07/17)

La poesia più letta:
 Regalami un interno di Vermeer (11/04/11, 6262 letture)

  


carla vercelli

carla vercelli

Ha scritto anche…

Ultime poesie pubblicate:

Pubblica in…

Ha una biografia…

carla vercelli Leggi la biografia di questo autore!



Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Poesie scelte più recenti nel sito:

 

Copyright © 2020 Scrivere.info