Poesie scelte da Scrivere.info

Il rebus del tuo dio

Cristiano De Marchi

Morte

Il corpo mio non interessa
sformato di pelle
ricoprente ossa e muscoli
no
non giova al mio alto gradimento

Il senso è dentro
nascosto e presente
campanello d'allarme
acceso e spento
vivo e morto sempre.

Serve forse l'agglomerato
per sentir il peso
dell'essere
per gioir del momento
per dire sono in questo istante?

Non m'interessa il guscio
ma la perla dentro
avvolta e stretta tra le vene
e il rosso carminio sangue
mentre spiro
silenziosamente spiro
lasciando il rebus al tuo dio

che forse maledettamente
assomiglia al mio.

Cristiano De Marchi | Poesia pubblicata il 21/02/17 | 660 letture| 4 commenti

 
<< SuccessivaPrecedente >>
<< Successiva di Cristiano De MarchiPrecedente di Cristiano De Marchi >>
 

Nota dell'autore:

«(Foto da web)»

 

Creative Commons LicenseQuesta poesia è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons: è possibile riprodurla, distribuirla, rappresentarla o recitarla in pubblico, a condizione che non venga modificata od in alcun modo alterata, che venga sempre data l'attribuzione all'autore/autrice, e che non vi sia alcuno scopo commerciale.


4 commenti a questa poesia:
«Raggi di luna irradiano lo spazio ed il tempo, illuminandoli di fugaci attimi rubati all'Eterno e all'Illusione, come sospendersi in un Nulla che ci rigenera. Scompare intorno ciò che è visibile e diviene altro in una dimensione più pura, paradossalmente più vera… lasciando il rebus. Istanti illusi e presenti il ritmico ascendere di nostalgia si placa leggero come polvere fondo e sedimento di ferite irreversibili. Tutto si cancella in una catarsi pura, nel mistero dell’essere.
Lenti e placidi versi per descrivere la vita nell'ora in cui non ha più alcuna importanza il tempo che passa…Gli "spiccioli di tempo", diventano protagonisti di versi che carezzano dolcemente la malinconia di passi tardi, lenti che si muovono nella calma della sera.»
Antonio Biancolillo

«lirica che porta il lettore a profonda riflessione intensa e sentita la chiusa i miei apprzzamneti
ed elogi a questa opera»
carla composto

   «opera dal contenuto riflessivo e di introspezione, la morte trapasso da una esistenza all'altra con punto interrogativo, si evolve l'anima simile a perla per incontrare il suo Dio. il mio sentito elogio ...»
emiliapoesie39

«Una lirica sofferta, scritta a quattro mani col proprio "io"...
si sente tutto il peso dell'angoscia mentre scava a fondo nel cuore.
Bellissima caro poeta, complimenti sinceri.»
Ventola raffaele


Per inserire commenti su questa poesia, vai sul sito Scrivere
 
Cristiano De Marchi ha pubblicato in questo sito:
 Le sue 22 poesie

La prima poesia pubblicata:
 Il gioco dell'amore (29/04/12)

L'ultima poesia pubblicata:
 Viva l'dì (23/05/17)

Una proposta:
 Attenda il resto (03/04/17)

La poesia più letta:
 Il gioco dell'amore (29/04/12, 4251 letture)

  


Cristiano De Marchi

Cristiano De Marchi

Ha scritto anche…

Ultime poesie pubblicate:

Pubblica in…

Ha una biografia…

Cristiano De Marchi Leggi la biografia di questo autore!



Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Poesie scelte più recenti nel sito:

 

Copyright © 2017 Scrivere.info