Poesie scelte da Scrivere.info

Fu Novecento

Peppe Cassese

Dialettali

Tene cient’anne, è secolo fernuto,
ma s’arricorde ancora tutte ‘e cose:
’e fatte, ‘e nomme, ‘e date e comme è gghiuto...
Parla, straparla e nun po’ truva’ posa
e giura che tra i venti è il più brillante:
che secolo birbante e supirchiuso!

Certo di cose lui ne ha visto tante:
mumento pe’ mumento ‘e po’ canta’...
Chiù testimmonio ‘e isso, chi ce sta’?

Ancora peccerillo già ‘ntrunava
e co’ sango d’a gente se lavava...
guerre, rivoluzioni, dittature:
che bella storia... a meglia sciacquatura!

E’ il secolo il di cui protagonista è la GENTE...
ricca, affamata, nobile, pezzente...
Pe’ quanta gente ha fatto ‘ntusseca’,
ce n’è altrettanta ch’ha fatto cunzula’...
Pe’ quanta gente ha fatto arrevuta’,
ce n’è altrettanta ch’ha fatto pazzia’...
LA GENTE... o come suole assottigliare
lo storicografaro: LA MASSA!

Senza la massa la rivoluzione
in Russia fosse stata na canzona...
Senza la massa superoceanica
Benito s’a spassava a Torvaianica...
Senza la massa la seconda guerra
sarebbe stata solo un serra- serra...
Senza la massa la televisione
sarebbo rimanuta scatolone...
Senza la massa il muro di Berlino
te fosse scumparuto già ‘a matina...

La massa e questo secolo:
che grande e sacra unione!

Insieme hanno vissuto nel clamore,
con rabbia, con passione e con ardore...
Insieme hanno apparato mille cose,
insieme hanno ‘nzertato spine e rose...
Insieme so’ crisciute e so’ pasciute,
insieme, a poco a poco, so’ appassute...

E questo secolo, il secolo dei tanti,
lo abbiamo ricordato tutto quanto,
a modo nostro, a modo di paese,
tra canti, scene, balli e putipù,
fidando in te, o pubblico cortese.
Visto l’impegno adesso fa un po’ tu:
se ci applaudisci, è giorno fortunato...
se ci spernacchi, è stato come è andato!
Chiediamo scusa: abbiamo pazziato!

Peppe Cassese | Poesia pubblicata il 12/12/18 | 2452 letture| 2 commenti

 
<< SuccessivaPrecedente >>
<< Successiva di Peppe CassesePrecedente di Peppe Cassese >>
 

Nota dell'autore:

«Presentando il secolo XX in lingua napoletana e con qualche licenza.»

 

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.

2 commenti a questa poesia:
«Ripercorrere un secolo, con versi sentiti, dove i movimenti rivoluzionari sono stati al centro di conquiste o disfatte.
Guerre, atrocità, fiumi di sangue versati.
La gente... le masse guidate da uomini che avevano lo scopo di dominare...»
moreno marzoli

   «Una presentazione originale, in lingua napoletana, storicamente non inappuntabile, ma poeticamente ineccepibile, col felice incontro tra il vernacolo e la lingua madre,»
Giuseppe La Marca


Per inserire commenti su questa poesia, vai sul sito Scrivere
 
Peppe Cassese ha pubblicato in questo sito:
 Le sue 41 poesie

La prima poesia pubblicata:
 Me schiaffe Napule (Mi metti Napoli nelle canzoni) (14/07/13)

L'ultima poesia pubblicata:
 Se chiudo gli occhi (2) (16/07/22)

Una proposta:
 Autunno shocking (12/11/14)

La poesia più letta:
 E chiove (E piove) (04/06/14, 10580 letture)

  


Peppe Cassese

Peppe Cassese

Ha scritto anche…

Ultime poesie pubblicate:

Pubblica in…

Ha una biografia…

Peppe Cassese Leggi la biografia di questo autore!



Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Poesie scelte più recenti nel sito:

 

Copyright © 2022 Scrivere.info